“Quel figlio non è mio!”, Bulgaria Condannata

Nel Caso Doktorov v. Bulgaria (application no. 15074/08) la Bulgaria è stata condannata per la violazione dell’art. 8 Cedu, per un caso di un figlio nato in costanza di matrimonio, per il quale il padre, il  sign. Doktorov, chiedeva di vincere una presunzione legale di paternità prevista dal diritto Buogaro: il figlio infatti non era biologicamente suo. Vediamo il caso.

Il richiedente, Tsanko Todorov Doktorov, è un cittadino bulgaro che è nato nel 1973 e vive a Varna (Bulgaria).
Il caso riguarda la sua denuncia secondo cui gli era stato impossibile contestare la paternità di a bambino nato durante il suo matrimonio con la madre.
Dopo aver divorziato dalla moglie nel 2006, Doktorov ha scoperto che uno dei loro due figli, nato a 2003, era stato concepito con un altro uomo.
Un test del DNA ha rivelato, nel gennaio 2007, che non era il padre biologico di quel bambino e, il mese successivo, ha presentato un ricorso civile per contestarne paternità. Tuttavia, la sua richiesta fu respinta per prescrizione. Questo risultato è stato quindi confermato da due istanze presso due  tribunali Superiori. Basandosi in particolare sull’art. 8 (diritto al rispetto della vita privata e familiare) dell’Europa Convenzione sui diritti dell’uomo, il sign. Doktorov si è lamentato di non essere stato in grado di contestare giudicare la sua paternità di uno dei suoi figli, a causa di un limite di un anno contato dall’apprendimento sulla nascita del bambino. Tuttavia, aveva appreso che non era il padre del bambino, dopo questo tempo limite.

Il richiedente non ha presentato una richiesta specifica per equa soddisfazione ma ha invece invitato la Corte a ritenere che il miglior risarcimento nel suo caso sarebbe la riapertura dei procedimenti giudiziari a livello nazionale. La Corte ha osservato che il codice di procedura civile del 2007 prevede tale possibilità di riapertura nei casi in cui la Corte abbia riscontrato una violazione della Convenzione e qualora sia necessario un nuovo esame del caso al fine di eliminare le conseguenze della violazione.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *